Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag qt

Intel ha intenzione d'abbandonare temporaneamente l'impegno su MeeGo

pubblicato da Federico Moretti

MeeGo - IntelIntel prende atto del calo d’interesse degli sviluppatori nei confronti di MeeGo e pensa, conseguentemente, d’abbandonare la piattaforma. Almeno per il momento. Nokia, l’altro partner impegnato nel supporto di MeeGo, aveva già dato forfait producendo il primo telefono basato sul sistema operativo che, però, non sarà mai distribuito.

L’annuncio arriva a poca distanza dalla scelta di HP su webOS, l’altro sistema Linux-based che avrebbe potuto competere con Android e iOS. Su smartphone e tablet si profila una sfida a tre fra Apple, Google e Microsoft: nel settore dei dispositivi integrati, invece, Android potrebbe pure arrivare a ottenere un “monopolio” di fatto.

Per fortuna, almeno sui tablet, esistono delle alternative coi porting delle distribuzioni di Linux per ARM: KDE, forte di una prova entusiasmante da parte di John Layt, ha annunciato ieri l’aggiornamento di Plasma Applet. Molti si stanno affrettando ad acquistare gli ultimi HP TouchPad scontati a $99 per installare Ubuntu e Unity.

Via | DigiTimes

....
condividi 9 Commenti

Polka, il re-design di KAddressBook, passa al mobile con Polka Touch

pubblicato da Federico Moretti

PolkaPolka Touch è il porting di Polka, un nuovo concept di KAddressBook da Cornelius Schumacher, per MeeGo. Rispetto alla sesta Hackweek di openSUSE, da cui proviene il progetto Polka, sono stati fatti grandi passi avanti: l’interfaccia è molto più accattivante e Polka Touch ha un pacchetto pronto per l’installazione come RPM per MeeGo.

Schumacher ha pensato di tradurre Polka in un’applicazione per dispositivi mobili per esaltarne le caratteristiche. Non è escluso l’utilizzo sul desktop, tuttavia la possibilità di sfruttare il multi-touch sulla rubrica rende Polka più intrigante. Il progetto non è incluso in KDE: non sostituirà KAddressBook, almeno per il momento.

Scritto in Qt, Polka Touch ha avuto una prima fase di sviluppo sull’emulatore di MeeGo basato su QEMU. Poi, Schumacher ha preferito acquistare un tablet di fascia media per superare gli ostacoli incontrati nell’emulazione. Oltre a MeeGo, Polka e Polka Touch sono stati provati su openSUSE: dovrebbero funzionare anche col Nokia N900.

Via | Cornelius Schumacher

....
condividi 0 Commenti

Matt Zimmerman ha lasciato Canonical: già finito l'idillio delle Qt?

pubblicato da Federico Moretti

Matt ZimmermanMatt Zimmerman, ormai l’ex-Chief Technology Officer (CTO) di Canonical, ha lasciato l’azienda di Mark Shuttleworth promettendo di non fare altrettanto con lo sviluppo di Ubuntu. Era entrato nella società già dal 2004, prima che Canonical avesse questo nome, tra i membri fondatori. A giugno lascerà il proprio posto per «nuove sfide».

L’Ubuntu Developer Summit (UDS) dedicato a Oneiric Ocelot sarà l’ultimo impegno di Zimmerman come impiegato di Canonical. L’UDS comincerà lunedì prossimo a Budapest. Non sono emerse delle motivazioni alla base della scelta di Zimmerman: potrebbe trattarsi del piano per le Qt su Ubuntu? È difficile da determinare, in questo momento.

Dalle pagine del proprio blog, Zimmerman assicura che manterrà gli impegni presi con DEX (un progetto riservato alle derivate di Debian), Ada Initiative e Freedom Box. Sono tutte iniziative più o meno legate a Ubuntu. La notizia dell’abbandono di Canonical è un fulmine a ciel sereno: non c’erano avvisaglie di un rapporto incrinato.

Via | Matt Zimmerman

....
condividi 8 Commenti

Le interfacce proposte dalle librerie Qt non sono ancora accessibili

pubblicato da Federico Moretti

Qt by NokiaQAccessibleBridge è una classe delle librerie Qt che supporta Microsoft Active Accessibility (MSAA), OS X Accessibility, AT-SPI: benché quella di rendere accessibili le interfacce sia tradizionalmente una prerogativa di Linux, gli sviluppatori di Qt non sono affatto soddisfatti del livello raggiunto e “strizzano l’occhio” alle Gtk+.

Un progetto per QAccessibleBridgePlugin, infatti, prevede di dialogare con ORCA di GNOME per rendere più accessibili le interfacce in Qt su KDE. Ciò è necessario perché GNOME ha già implementato le Assistive Technology (AT) via DBus col protocollo AT-SPI 2, una soluzione più efficace di quella attualmente sfruttata dalle Qt in KDE.

Il meccanismo non è complesso quanto potrebbe sembrare: in pratica, agli sviluppatori basterà integrare il plugin perché le AT siano richiamate su qualsiasi piattaforma (Linux, OS X o Windows). Gli utenti dovranno soltanto risolvere delle dipendenze aggiuntive. La soluzione è sperimentale: esistono dei pacchetti per SUSE e Kubuntu.

Via | Qt Labs

....
condividi 0 Commenti

KDE ha commentato l'accordo di Nokia e Microsoft: il futuro delle Qt

pubblicato da Federico Moretti

KDE & QtKDE ha deciso d’intervenire sul noto accordo di partnership tra Nokia e Microsoft per il settore mobile. Non si tratta di MeeGo, ma del futuro per il desktop environment e le Qt. È Cornelius Schumacher, membro di KDE PIM in quota a OpenSUSE e presidente di KDE e.V., a prendere la parola per rassicurare gli utenti e gli sviluppatori.

Anzitutto, Schumacher sottolinea come le Qt non possano essere “sottratte” alla comunità: la KDE Free Qt Foundation era stata concepita, insieme a Trolltech, proprio per questo scopo e l’accordo è stato rinnovato quando la società è stata acquisita da Nokia. Perciò non ci sono ragioni per cui KDE debba mettere in discussione le Qt.

E, infatti, gli ultimi due punti dell’intervento di Schumacher puntualizzano l’importanza delle librerie Qt per il presente e il futuro di KDE. Confortati dall’accordo con Nokia, gli sviluppatori continueranno a lavorare su Plasma per le varie piattaforme desktop e mobile. Tra queste non mancherà Microsoft (col porting su Windows).

Via | KDE News

....
condividi 0 Commenti

KDE accoglie con entusiasmo l'SDK di Necessitas per le Qt su Android

pubblicato da Federico Moretti

Android - QtUn’ottima notizia per gli sviluppatori di progetti basati sulle librerie Qt: Bogdan Vatra, insieme a due collaboratori, ha rilasciato la prima alpha di Necessitas SDK. È uno strumento per realizzare applicazioni destinate ad Android utilizzando le Qt. Il progetto è ancora agli inizi e include un’ampia documentazione per contribuire.

Necessitas SDK propone essenzialmente tre componenti: Android Lighthouse, Android Qt Mobility, Android Qt Creator. Il progetto sfrutta diversi componenti open source di Nokia e Google, tuttavia si tratta di un’iniziativa completamente volontaristica (non è sponsorizzata da alcuna delle due multinazionali). Ha ancora molti problemi.

Per ottenere le Qt su Android, Vatra ha realizzato Ministro: è un’applicazione presente sull’Android Market, permette di scaricare rapidamente le librerie. È opportuno sottolineare i limiti di Necessitas SDK, disponibile solo per ARM EABI (v5). Vatra ha un cantiere qualcosa di simile anche per il sistema operativo di Samsung, Bada.

Via | KDE News

....
condividi 0 Commenti

Mono e Qt: Synapse

pubblicato da Roberto G.

synapseQyoto, ambiente di sviluppo C# per Qt, è il motore utilizzato per creare Synapse.

Synapse è un’applicazione dedicata alla messaggistica istantanea ed è la prima vera applicazione nata dalla fusione di Mono e Qt. Si basa sul protocollo aperto XMPP, famoso per Google Talk e Jabber. Il suo lato preponderante è volto all’ambiente comunitario, vi sono diverse feature interessanti come: le attività degli amici, la condivisione di foto, la possibilità di installare estensioni e la condivisione di codice. Attendiamo i prossimi sviluppi.

Attualmente le distribuzioni supportate sono: Ubuntu , openSuse e Foresight. Questo è il link per il download.

Via | Miguel de Icaza’s web log

Nokia cambia nome a Trolltech e presenta le sue novità

pubblicato da Andrea de Palo

Qt Software

Evidentemente a Nokia il nome Trolltech non andava molto a genio: il colosso norvegese finlandese ha infatti rinominato Trolltech in “Qt Software” ed il framework per dispositivi mobile/embedded Qtopia in “Qt Extended”. Nello stesso giorno del cambio di nome sono stati aperti i sorgenti della versione Linux di Qt Eclipse Integration e rilasciati Qt Extended (Qtopia) 4.4 e Qt Jambi 4.4.3. Per chi fosse interessato, Ars Technica offre una panoramica delle novità incluse in Qt Extended 4.4.

In occasione della sua adesione alla Linux Foundation come Gold Sponsor, Nokia ha inoltre svelato alcune delle caratteristiche della prossima versione di Maemo, la sua piattaforma per Internet Tablet: tra queste sono presenti la compatibilità con il protocollo HSPA, la migrazione ai processori OMAP3 di Texas Instrument ed il supporto a sensori grafici ad alta definizione.

via | Phoronix, segnalazioni di OSSblog.

Novità per VLC media player: arriva la versione 0.9.2

pubblicato da Andrea de Palo

Schermata VLC media playerUn anonimo lettore ci ha segnalato il rilascio della versione 0.9.2 di VLC media player. Questa nuova incarnazione del noto lettore multimediale multi-piattaforma vanta una rinnovata interfaccia basata sul toolkit grafico Qt (che si integra anche in ambienti Gtk+) ed include numerosi miglioramenti su tutti i fronti.

Oltre al maggior numero di codec audio video supportati (merito del progetto FFmpeg), VLC media player 0.9.2 offre ora una media library, controlli semplificati disponibili anche in modalità full-screen, icona nella system tray, visualizzazione delle copertine degli album, supporto alla modifica dei metadati, possibilità di visualizzare video provenienti da vari servizi online ed integrazione con Last.fm.

Sapete programmare? Non esitate a contattare il team VideoLAN per offrire il vostro aiuto. Non sapete programmare? Scaricate VLC media player, diffondetelo e, nel caso trovaste bug, segnalateli agli sviluppatori.

Dopo il salto, screenshot e video dimostrativo…

Continua a leggere: Novità per VLC media player: arriva la versione 0.9.2

Canonical farà il lifting al software libero

pubblicato da Andrea de Palo

CanonicalMark Shuttleworth ha annunciato sul suo blog che Canonical è in procinto di assumere esperti di design e di interfacce utente per migliorare l’usabilità dei progetti liberi/aperti, ma anche di programmatori che lavoreranno su X, OpenGL, Gtk, Qt, GNOME e KDE con lo scopo di trasformare le idee proposte in realtà. I team pubblicheranno i loro lavori all’interno dei repository Bazaar su Launchpad e li presenteranno anche upstream (cioè agli sviluppatori “a monte”), in modo che le modifiche possano comunque diffondersi anche a distribuzioni differenti.

Stando alle parole di Mr. Ubuntu, alcuni dei “nuovi arrivi” saranno persone già note nel mondo del FLOSS, mentre altri saranno sviluppatori con competenze tecniche rilevanti provenienti però da campi differenti.

Scatta il sondaggio…

via | Slashdot