OpenStreetMap ridistribuisce il software per il cambio delle licenze

OpenStreetMapOpenStreetMap è diventata una risorsa indispensabile per tutte quelle società che vogliono abbattere i costi delle Application Programming Interface (API) di Google Maps. Eppure, il momento scelto per il passaggio a queste mappe stradali è poco opportuno: la fondazione passerà da Creative Commons a Open Database License (ODbL) 1.0.

Abbiamo già descritto la complessa transizione delle licenze e i problemi che comporterà ad Apple su iPhoto. Le stesse difficoltà potrebbero riguardare Wikimedia, che ha appena optato per l’adozione di OpenStreetMap con l’applicazione di Wikipedia su Android e iOS. La fondazione viene incontro agli sviluppatori col proprio software.

Per interrogare il database alla ricerca di informazioni incompatibili con ODbL 1.0, infatti, OpenStreetMap utilizza una soluzione interna realizzata con Ruby 1.9. Lo script verifica la licenza di rilascio dei dati condivisi e, se necessario, effettua una rimozione dall’archivio. Salvaguardando quelli compatibili coi nuovi termini.

Via | OpenStreetMap

Vota l'articolo:
3.25 su 5.00 basato su 8 voti.  

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO