Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

Scritto da: -

Dart Dart è un nuovo linguaggio di programmazione presentato da Google concepito per lo sviluppo di applicazioni web. Lars Bak lo definisce come adatto agli scenari più disparati, dal semplice progetto personale agli applicativi su vasta scala con infrastrutture complesse. Ovviamente il progetto è in fase iniziale e Google mira a raccogliere esperienze e feedback dagli sviluppatori per capirne le reali potenzialità.

Il codice è progettato per essere simile ai linguaggi tipo C#/Java, ma con la necessaria flessibilità dei linguaggi web-oriented, inoltre è evidente la somiglianza con javascript. Dart è dinamicamente tipizzato e orientato agli oggetti; i programmi scritti in Dart possono essere eseguiti in due modalità: con virtual machine DartVM oppure utilizzando un apposito compilatore per tradurre il codice in javascript. Attualmente è in discussione la possibilità di integrare DartVM all’interno di Google Chrome.

Dart può essere eseguito anche all’interno del codice HTML con l’apposito MIME type 'application/dart', in definitiva sembrerebbe avere tutte le caratteristiche necessarie di una buona tecnologia di sviluppo per il web, ma non credo che se ne sentisse davvero il bisogno.

Via | Chromium Blog

Vota l'articolo:
3.61 su 5.00 basato su 18 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    Ennesima dispersione di energie nel wrappare qualcosa!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: tassinarimauro

    Un altro linguaggio!?? No!!!! …Scherzi a parte: Se Dart potesse mandarne in pensione un paio dei vecchi sarebbe ben accolto. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    Mah, non capisco cosa ci sia di sbagliato in JavaScript da doverlo sostituire… JS è uno standard (almeno di fatto) nel web, e con Node.js va anche ben oltre (dai server web alle applicazioni command line). Non capisco Google e questo spreco di energie… Per non tirare in ballo, poi, Native Client, che rievoca le ombre del vecchio ActiveX… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    ma si frammentiamo un altro po' Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    Basta frammentazione!!! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    Ottimo, un altro linguaggio da imparare e rimpinguare il CV! D. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    e gwt che fine fa? non sono la stessa cosa? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    @MpMp #7 GWT (Google Web Toolkit) è una piattaforma Java by Google, questo è un teorico sostituto di javascript… Se javascript crepa faccio i salti di gioia al punto da dimagrire di 5Kg, ma se viene sostituito dall'ennesimo linguaggio inutile quando ci sono Python, Ruby (che a Google non piace, forse per la gestione malata di Unicode) ecc l'unica cosa che faccio è imprecare… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    a prima vista sembra anche a me inutile, ma definire buono javascript mi sembra eccessivo… è uno dei pochi linguaggi in circolazione che si è evoluto relativamente poco.. non ha una chiara e semplice sintassi per usarlo ad oggetti… ogni browser c'ha messo il suo… se non fosse per librerie alla jquery sfido chiunque a scrivere del buon codice, con buone performance.. che va bene piu' o meno ovunque.. non ha niente a che vedere con gwt, almeno apparentemente, visto che è proprio un linguaggio tutto suo che ha tra le varie cose un traduttore in javascript Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: daddye

    Si infatti, penso più che altro sia il caso invece di buttarsi su queste schifezze che frammentano e basta di puntare su qualcosa di esistente. Io suggerirei di rinnovare i javascript usando la sintassi Coffee nativa, allora si che sarebbe rivoluzione. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    @daddye Guarda che Dart offre esattamente questa cosa. Se leggi l'articolo principale si dice appunto che possa essere eseguito in maniera nativa da una JVM o tradotto in JavaScript attraverso un compilatore. A me come linguaggio sembra essere molto interessante, JavaScript per certi aspetti è veramente una schifezza. Il semplice fatto, ad esempio, di dover usare continuamente gli operatori === e !==, perché == e != non si comportano come in qualsiasi altro linguaggio, o il weak typing ('2' + 2 === '22' && '2' * 2 == 22) mi fanno venire il voltastomaco. Inoltre che già il problema della minimizzazione del codice JS, quindi aggiungere ad un applicativo web un ulteriore substrato converta il codice Dart in JavaScript non costerebbe praticamente nulla. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 12 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    Nell'esempio del weak typing intendevo '2' + 2 === '22' && '2' * 2 === 4. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 13 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    Con GWT scrivi in Java e compili in Javascript, il che mi sembra molto simile a questo linguaggio di programmazione, almeno per la parte non eseguibile nella JVM. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 14 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    sperando non lo cambino frequentemente.. già con android dimostrano che la stabilità delle api non è una priorità. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 15 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: duncanita

    Personalmente mi piacerebbe se al posto di JS ci fosse la possbilità di usa Ruby come linguaggio di scripting lato client… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 16 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    Mi sa che è proprio inutile. Con JavaScript già è possibile fare tutto semplicemente, che bisogno c'è di un nuovo linguaggio? Piuttosto Google potrebbe concentrare le risorse per creare qualche utile libreria JavaScript! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 17 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    quoto paul123 100%. Hahaha quanti commenti stupidi da mediocri inutili pseudo-programmatori… mi fate sbellicare. Ma pensate che google non sappia quello che fa? Javascript non e' un linguaggio. Un linguaggio non tipizzato E' un ABORTO. Ben venga Dart, finalmente… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 18 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    L'impressione che mi ha dato é che dovrebbe permettere anche al piú mediocre programmatore di scrivere del codice mediamente decente. Inoltre a un type system "opzionale", per cui uno puó teoricamente, tirare su del codice non tipizzato in fretta e furia per fare un prototipo e successivamente implementargli su i tipi. Credo che il type system (ma potrei sbagliarmi) sia anche quel che dovrebbe permettere a google ottimizzazioni a livello di compilatore e VM non possibili in javascript. Gli esempi di codice sono chiari e francamente mi pare abbiano implementato su il minimo indispensabile per fare della programmazione pulita ma potente (ereditarietá singola, classi e interfacce esplicite e distinte, sintassi derivata dai soliti C/C++/Java). Insomma ha il potenziale per diventare una gran figata. PS: no, javascript é una schifezza universalmente nota. Se pensate il contrario o ci avete speso troppo tempo su o troppo poco. Fatevene una ragione. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 19 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    DevURandom la tua arroganza è davvero proverbiale. Un linguaggio non tipizzato è un aborto? Dall'alto della tua infinita conoscenza potresti spiegarmi per quale motivo? @/V —: Tu saresti il depositario della verità? Perché dovrei farmi una ragione che un linguaggio con cui mi trovo bene in realtà fa schifo solo perché tu dici così? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 20 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: duncanita

    A me sembra quasi un aborto, difficile da leggre come tutti i linguaggi che riprendono la sintassi del C. Pieno di punti e virgola, parentesi e graffe generalmente inutili. Interfacce, inutili, meglio se avessero implementato il Duck Typing. Ribadisco che avrei preferito che avessero pescato a piene mani da Ruby. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 21 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: 0xdeadbeef

    Introdurre un linguaggio dalla sintassi e il comportamento simili a quelli di java - che, volenti o nolenti, è attualmente il più diffuso - mi pare tutt'altro che sciocco. Ora la cosa che a Google deve importare è un'altra: definire uno standard nella maniera più completa possibile, lasciando poche possibilità ad eventuali interpreti/VM di terze parti di creare n-mila varianti inutili - ed intenzionalmente dannose - con lo stesso nome. Con un'accorta definizione del linguaggio il brevetto si può anche evitare. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 22 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: duncanita

    Sarà anche la più diffusa, ma basta mettere affiancati due sorgenti che fanno la solita cosa per vedere quale sia il più leggibile tra i vari (Java, C#, JS ecc) e Ruby. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 23 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: 0xdeadbeef

    @duncanita Ciò è molto soggettivo. Per te sarà così mentre per me, che ho evidentemente abitudini molto diverse, è l'esatto contrario. Ma alla fine il dibattito sulle sintassi lo vedo un po' fine a sé stesso. La differenza di qualità la fa il trio progettista-piattaforma-sviluppatore, raramente il linguaggio. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 24 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: duncanita

    Gurda, scrivo tutti i giorni codice C# pert lavoro da anni ormai, magari non sono un mostro, a casa mi sto dilettando con Ruby per progetti personali, prima gli avevo dato un occhio superficiale, ma appena capite due otre cose semplicissime la differenza di espressività tra Ruby ed altri linguaggi C Style è enorme, almeno personalmente. Niente punti e virgola che nel 99% dei casi sono inutili, tutto molto più coinciso, ma espressimo. Non concordo sul fatto che il linguaggio più framawork faccia poca differenza, dal, piccolo, confronto che ho potto fare in ruby si fanno le medesime cose scrivendo meno, un esempio? spariscono le interfacce con il duck typing non servono, tutto codice in meno da scrivere. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 25 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    @duncanita concordo sui pregi di ruby, visto che lo uso con profitto tutti i giorni. tuttavia, vorrei farti presente che anche javascript supporta l'approccio al duck-typing ;) Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 26 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: 0xdeadbeef

    Sul lavoro sono un analista programmatore ma ho fatto una lunga gavetta come programmatore semplice. Secondo me i punti e virgola sono l'ultimo dei problemi, ammesso che lo siano. Tutti i linguaggi hanno un modo di contrassegnare la fine di un comando o di distinguerlo da quello successivo. Il CR in questo senso mi sembra più "equivoco" perché può essere interpretato da chi lo legge come un normale modo di spezzare la riga e ciò riduce la leggibilità del codice. Ma come sempre parlo per me. Il ruby è un bel linguaggio, mi ci sono dilettato anch'io per un po' senza alcuna pretesa. Anche la sua piattaforma di sviluppo mi pare molto interessante. Mi piace ma, come dicevo prima, sta a chi lo usa sfruttarne le caratteristiche. Sul duck typing non nego che possa offrire dei vantaggi, soprattutto nel prototyping, ma il problema più grande che porta con sé è il fatto di permettere grossi pasticci e di vederne le conseguenze soltanto al runtime. Non che senza ciò sia impossibile, ma molto più raro. Allora la domanda da porsi prima di rifiutarsi di scrivere un'interfaccia è: "pago prima o pago dopo?" Poi quanto occorra pagare dipende ovviamente dalle circostanze. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 27 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: 0xdeadbeef

    PS. se hai avuto problemi con i punti e virgola allora ti sconsiglio fortemente di omettere parentesi. Insomma evita di fare cose tipo: if (foo()) bar(); perché basta una svista e ti ritrovi un punto e virgola dopo l'if. Poi hai voglia a cercare il problema… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 28 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: egoalesum

    Magari potrebbe interessare anche questo punto di vista :) <a href='http://www.quirksmode.org/blog/archives/2011/10/dart_or_why_jav.html' rel='nofollow'>http://www.quirksmode.org/blog/archives/2011/10/dart_or_why_jav.html</a> Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 29 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    Dire che assomigliare a Java sia utile è essere come quelle code-monkeys php che dicono di aver scelto il php perché assomiglia al C che hanno imparato all'università… Le sintassi tipo Python e Ruby sono *vincenti* come lo fu ai tempi la sintassi del C rispetto all'assembly, e questo indipendentemente da ogni altro aspetto del linguaggio (vedi performance, compilato-vs-interpretato, interprete-vs-vm ecc.); il perl oggi è sempre più in calo un po' per l'enorme tempo di attesa di Parrot&c ma sopratutto perché è un linguaggio che permette di scrivere del codice assai difficile da leggere. Del resto Google stà pagando e caro la scelta di Java per Android (e, ot, stà pagando la scelta della licenza Apache, se avesse puntato sulla GPLv3 il caso Baidu e le liti coi vari carrier sarebbero ben diversi). Volete un linguaggio che abbia successo? Ok, la sintassi e la standard library del Python, grazie. La possibilità di fare WebApp con il layout gestito tipo librerie GTk/Qt/Wx e il resto son cavoli dei designer con CSS, la possibilità di fare WebApp e DesktopApp con la stessa libreria, una documentazione chiara e nessuna interpretazione personale del singolo browser (stile Java). Fatelo, e avrete un successo, fateci un OS ed avrete una nuova UNIX-revolution. Continuate a puntare su Java, PHP ecc e seguirete l'esperienza di Go (lo avete presente?) del D, e di tutti gli altri linguaggi creati in tempi recenti: non si impara qualcosa che non serve, specie se ex-novo. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 30 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: 0xdeadbeef

    @Kim Come al solito, trovo che confrontare linguaggi con la stessa potenza e lo stesso livello di astrazione sia utile più o meno come fare a gara a chi ce l'ha più lungo. Queste cose le lascio a chi ha voglia di sfigheggiare o a chi non ha mai scritto codice serio in vita sua. Si leggono flame così dappertutto ma - poiché siamo un Paese di fenomeni - li si trova soprattutto in italiano. Del resto creare bindings per python occupa lo stesso tempo che crearle per java. E uno sviluppatore con un cervello sulla testa sa scrivere ottimo codice indipendentemente dal linguaggio/piattaforma su cui si specializza. Se non ce l'ha, difficilmente combinerà qualcosa di buono in un qualsivoglia linguaggio. Google fa quello che gli dice il mercato. Se il mercato gli dice che java lo conoscono tutti - dai code monkeys ai lead programmers - ed ha la piattaforma più produttiva in assoluto, Google segue java. Se il vento cambia, hanno abbastanza uomini e mezzi per cambiare anche loro. Non mi pare ci sia molto da capire. E di certo non andranno falliti per questo. Poi possiamo anche fare manifestazioni contro le discriminazioni su python ma la sostanza non cambia. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 31 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    @0xdeadbeef #30 Sul fatto che le discussioni sui linguaggi di programmazione sono in genere dei flame, siamo assolutamente daccordo; sul seguire il mercato no: se il mercato va verso i derivati (es. del 2006-8) è giusto e logico andarci? Se si deve perseguire il rendimento maggiore è logico comprare bond greci? Il discorso sui linguaggi è lo stesso. Ritengo che un'azienda debba essere amministrata da manager e guidata, specie nel plannig da tecnici del suo settore. Il mercato non "si segue" si segue la propria competenza tecnica, l'unica cosa che vale nel medio e lungo periodo. Fare come i lemming porta alla stessa fine dei lemming e ci sono n-mila esempi che lo provano. All'inizio Symbian era l'ideale, eppure i tecnici dicevano che non poteva andare, nessuna azienda era disposta ad ascoltare, i risultati li sai. Oggi è il turno di Android con Java, anche qui direi che i risultati siano molto prevedibili; hint: che ti dicono i recenti (e non solo recenti) problemi evolutivi di Android? Che ti dicono le applicazioni Java che trovi in giro da Eclipse a Netbeans passando per WebSphere? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 32 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: duncanita

    @apeacox Si, ha il duck typing, ma come leggibilità non è il massimo. Il riferimento riguardava Dart, che a quanto pare ha le interfacce… Poi un bravo programmatore è bravo a prescindere dal linguaggio, ma lavorare con uno strumento migliore aiuta anche chi è bravo. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 33 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: 0xdeadbeef

    Mi pare che il discorso sui bond greci abbia poca attinenza qui; gli strumenti di sviluppo java che non evolvono sono legati a dei paradigmi di sviluppo - in cui i produttori di tool di progettazione lucrano alla grande, altro che websphere - che sono rimasti invariati da almeno 20 anni; eventuali problemi di android sono problemi di android. Senza offesa ma ci vedo un totale nonsense solo per insistere sull'ennesimo java vs python. Quindi con permesso me ne traggo fuori. Saluti. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 34 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by:

    Anche questo mi sembra molto interessante: <a href='http://lethalman.hostei.com/maja/index.html' rel='nofollow'>http://lethalman.hostei.com/maja/index.html</a> Scritto il Date —

  • Perceval26 Commento numero 35 su Dart, il nuovo linguaggio per il web presentato da Google

    Posted by: Perceval26

    Secondo me la realizzazione di un nuovo linguaggio è frutto di un'idea di tutt'altra nutura. Attualmente Google ha sviluppato e rilsciato da circa 6anni un framework, GWT appunto, sviluppato in Java e quest' ultimo è un linguaggio che ha un proprietario: ORACLE. Come tutte le aziende ambiziose e assetate di Gloria ha intenzione di primeggiare nel mondo del IT. Come può un azienda come la Google, sempre e solo in crescita da quanto è stata creata , continuare il trend positivo?Ecco Dart, la svolta! Questo è un chiaro tentativo di superare le grandi nel mondo dello sviluppo, avendo così un linguaggio proprietario col chiaro intendo di convertire e influenzare gli sviluppatori ad un nuovo linguaggio. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Ossblog.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.