WinRT, il system service provider per Windows 8/Metro, incontra Mono

Scritto da: -

SilverlightWindows Runtime (WinRT) è il nuovo system service provider di Windows 8 per Metro, in sostituzione alle infrastrutture di Win32, Win64 e WoW64. L’utilizzo di .NET dovrebbe restare ancorato all’ambiente del desktop, pure presente su Windows 8, tuttavia Miguel De Icaza ritiene ci siano ampi margini per l’interazione di Mono con WinRT.

Le dichiarazioni di De Icaza sono discutibili, perché il responsabile di Mono ha osato troppo, sottolineando «la favolosa opportunità» concessa da Microsoft: WinRT sarebbe eccezionale in quanto separa l’interfaccia-utente dal backend, incrementando le possibilità di trasportare le applicazioni su dispositivi molto diversi tra loro.

È evidentemente lo stesso approccio adottato dai sistemi operativi e delle applicazioni open source da più di vent’anni. Curiosità a parte, De Icaza elenca le possibilità di Mono: parte del codice per il dialogo con WinRT sarà mutuato da Moonlight, benché il ruolo di Silverlight per Metro non sia ancora stato definito con certezza.

WinRT prevede l’utilizzo di XAML, per la costruzione delle interfacce-utente, e implementa una serie di binding dei linguaggi comunemente sfruttati per lo sviluppo con Windows definiti projection. Lo schema risultante non è molto diverso da quello che disegna i componenti di Linux: un aspetto positivo per creare nuove applicazioni.

Gli sviluppatori di .NET, grazie a Mono, hanno molte possibilità d’interazione con WinRT e Metro. In comune è la modalità fallback su Gtk# e Silverlight/Moonlight, almeno per il desktop. L’occasione è ghiotta per realizzare applicazioni multi-piattaforma su Android, iOS, Mac OS X, Windows e Windows Phone. Prescindendo dalle eresie.

Eric Maupin è già passato ai fatti, realizzando un progetto headless per le API di WinRT su .NET disponibile via GitHub. Il progetto di Maupin, però, riguarda le applicazioni destinate all’utilizzo sul desktop per .NET e Mono. Le aspirazioni di De Icaza sono più ambiziose: è comunque un punto di partenza per tutti gli sviluppatori.

Via | Miguel De Icaza

Vota l'articolo:
3.50 su 5.00 basato su 6 voti.