GNU Compiler Collection 4.6

Scritto da: -

Gli sviluppatori del team GCC hanno rilasciato Gnu Compiler Collection 4.6.0 come nuova versione stabile dopo circa un anno di sviluppo.

Dal punto di vista dei processori supportati ora si aggiungono alla lista ARM Cortex-M4, Cortex-A15 a cui seguono vari ottimizzazioni e migliorie generali per tutti gli ARM. Chi vuole ottenere il massimo delle prestazioni su Intel Core 2 potrà utilizzare il parametro “core2” per le opzioni mtune e march, mentre per la prima generazione di Intel Core i3, i5 e i7 si potrà passare il parametro corei7. Non neanche manca il supporto per i processori Intel Sandy Bridge comprese le estensioni AVX (Advanced Vector eXtensions) e per BMI (Bit Manipulation) di AMD.

Passando ora a guardare il lato dei linguaggio supportati il nuovo gcc ora ha un supporto rudimentale per C1x, il nuovo standard per il C, Ada2012 e per Google Go che però è disabilitato nell’impostazione predefinita. Interessante anche l’aggiunta del supporto per Bionic, la libreria C scritta da Google per Android. Questo consentirà di sviluppare applicazioni utilizzando il gcc anche se solo per i device dotati di processori ARM.

Per chi ha bisogno della massima velocità ora è disponibile il nuovo parametro -Ofast che combina tutte le ottimizzazioni di -O3 con alcuni parametri che saltano alcuni vincoli degli standard come -ffast-math. Il Gcc 4.6 sarà parte di Fedora 15 che uscirà in Maggio, ma non sarà il compilatore predefinito di Ubuntu 11.04 che arriverà entro circa 30 giorni.

Via | Gcc

Vota l'articolo:
3.20 su 5.00 basato su 10 voti.  
 
  • nickname Commento numero 1 su GNU Compiler Collection 4.6

    Posted by:

    Sandy Bridge è supportato mediante il flag –march=corei7-avx Scritto il Date —