Il FUD attorno Android

Scritto da: -


Qualche giorno fa si è parlato di una possibile violazione del copyright da parte di una libreria di Android, Bionic.

Il caso è stato portato alla luce del sole da Raymond Nimmer, un professore di legge alla University of Houston Law Center, che ha aperto il dibattito con un articolo dal titolo “Infringement and disclosure risk in development on copyleft platforms“. Nel pezzo viene analizzato come sono stati creati gli header della libreria che rappresenta un’alternativa più compatta alla glibc e che include anche funzionalità specifiche di Android. Alcuni header del kernel sono stati copiati da uno script e che questo processo causerebbe una situazione non molto chiara perché gli header in questione sarebbe sotto licenza GPL.

Linus Torvalds è stato intervistato sulla vicenda da Brian Proffitt di ITWorld ed ha risposto chiaramente che si tratta di una stupidaggine. Senza neanche interessarsi troppo alla vicenda Linus ha chiarito che quello che ha fatto Google non è molto diverso da quanto fatto dalla glibc o altre librerie di questo tipo. Utilizzare le system call del kernel definite negli header non ha come risultato un software derivato che dovrà quindi ricadere sotto la GPL. Medesima la posizione di Richard Stallman che chiarito la sua posizione a riguardo nel lontano 2003. In poche parole viene, quindi, smontato tutto il castello che si stava gonfiando in questi giorni e che puntava molto sul FUD.

Interessante anche la ricerca effettuata dal sempre puntuale sito Groklaw. Facendo delle ricerche approfondite hanno appurato che il primo ad indagare su questa parte del sistema di Google è stato in realtà Edward Naughton che nel suo curriculum vanta di aver lavorato come avvocato in molti casi di una delle 50 aziende più importanti. Molto curioso il fatto che fino a qualche giorno prima della pubblicazione di questo documento il curriculum citava espressamente Microsoft. Sarà stato un caso no? Una semplice coincidenza, in fondo cosa avrà mai da guadagnare Microsoft dalla disfatta di Android? Non pensate troppo male ;)

Via | OsNews

Vota l'articolo:
3.40 su 5.00 basato su 5 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Il FUD attorno Android

    Posted by:

    Mi chiedo, comunque, cosa avete da guadagnarci voi di OSSBlog, a difendere un sistema operativo che fa finta di essere libero, mentre è pieno di DRM e non può essere modificato nei telefoni in cui è installato… Un sistema il cui sorgente è (in parte) disponibile, ma gli sviluppatori non accettano patch da esterni… Bah… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Il FUD attorno Android

    Posted by: sherpya

    se gli header sono non modificati posso usarli in un software gpl se li semplifico no? ha ragione linus Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Il FUD attorno Android

    Posted by: sherpya

    volevo dire in un software 'non gpl' Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Il FUD attorno Android

    Posted by: sherpya

    tra l'altro linus non va mica tanto per il sottile :D <a href='http://www.zdnet.com/blog/open-source/android-linux-fud-debunked/8549' rel='nofollow'>http://www.zdnet.com/blog/open-source/android-linux-fud-debunked/8549</a> Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Il FUD attorno Android

    Posted by: tassinarimauro

    @MeStessoOQualcunAltro Forse perché è meno chiuso di qualcunaltro. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Il FUD attorno Android

    Posted by:

    @MeStessoOQualcunAltro ANDROID E' LINUX. Che poi samsung, motorola ed altri rendando difficile rootare i telefoni è un'altra cosa, che mi da noia ma c'entra poco con Android. Comq esistono i telefoni di Google (nexus one ed s), gli HTC e praticamente tutti permettono di installarvi qualsiasi rom modificata con solo il software che desideriamo. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Ossblog.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.