FreeBSD, un appello per nuove leve

Scritto da: -


Usate o apprezzate FreeBSD? Allora ci sono tante possibilità per voi per aiutare il progetto con il vostro aiuto.

Gli sviluppatori stanno cercando nuove leve per suddividere i lavori da portare avanti. Il software cresce come linee di codice e complessità e ci vuole un gruppo un ampio per poter riuscire a tenere il ritmo di tutti i nuovi rilasci.

Recentemente è stato fatto un appello per provare gli aggiornamenti dei driver Ati, Xorg e Xfce. In due settimane sono arrivate solo 19 mail, ma dopo aver iniziato a distribuire gli aggiornamenti a tutti gli utenti sono fioccate le lettere di lamentele per i problemi che alcuni utenti riscontrano con alcune combinazioni di schede grafiche e software.

In casi come questi non è colpa di chi prova a portare avanti un progetto se gli utenti non partecipano attivamente allo sviluppo. Anzi, si può dire che è proprio colpa della loro scarsa partecipazione se poi il software non è al livello desiderato. Addirittura tutto il team di FreeBSD Xorg Team è composto da una sola persona con un immane lavoro da svolgere, soprattutto quando si parla di interazione fra X e kernel. Anche altri importanti progetti come Kde non sono piazzati molto meglio.

Se apprezzate FreeBSD e vi capita di usarlo allora fatevi avanti per contribuire anche con poco al miglioramento della situazione attuale.

Via | BsdCrew

Vota l'articolo:
3.75 su 5.00 basato su 4 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    C'è da dire che una parte della "situazione attuale" è dovuta a scelte della community: da tempo immemore si parla sottotono di avere i ports in sync coi pkg così da permettere agli utenti *desktop* di aggiornare il sistema con una certa regolarità senza spendere 2 ore al giorno di build time… Non è certo un gioco, con jucr OpenSolaris ha affrontato il problema ed ha lasciato molte questioni irrisolte ma è un problema da affrontare se si vuole stare sui desktop; sono pochi gli utenti disposti ad aggiornamenti "saltuari" o a compilazioni costanti anche lunghe ogni giorno. Un server richiede poco tempo nel senso che ha poca roba da compilare ma se solo per un aggiornamento di pango devo ricompilare gnome (~2h), per X 99/100 devo ricompilare tutto quello che linka X (molte ore) rinuncio al desktop, vado su OpenIndiana e/o su GNU/Linux… S'è sprecato un bel po' di tempo a rinfocolare il "problema" della dipendenza dello zfs da python, s'è litigato sul loader per i dischi GPT ma s'è sempre lasciato indietro il discorso strisciante pkg in sync coi port ed anche il vecchio discorso su cambiare sysintall. DesktopBSD, PC-BSD ecc. sono nate come distro-che-risolvono-il-problema disperdendo forze e realizzando soluzioni non molto usabili in pratica. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    concordo con Kim: usare FreeBSD come sistema desktop è un vero suicidio, un po' come usare Gentoo. Usata per un anno, ma poi non ho + avuto tempo/voglia di starmi ogni volta a ricompilare per ore Xorg e Gnome Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    Mah…..e' ora che FreeBSD riveda parecchie cose.Sono un suo fan da piu' di 15 anni ma i tempi sono cambiati.Personalmente non contesto il suo essere incentrato nello sviluppo del sistema stesso pero' e' ora che si facciano delle scelte importanti come a suo tempo si fece con Solaris in Indiana. I ports sono sicuramente importanti,ma forse e' il caso di costruirci un desktop integrato,e' il caso di inserirci un sistema di stampa integrato,ecc…. Il sistema cosi' com'e' non e' piu' desiderato dal grande pubblico ormai standarizzato sul desktop di linux e di windows. Non venitemi a dire che oggi,un'interfaccia grafica integrata nel sistema,alla piattaforma server non serve. Sicuramente l'amministratore puo' farne a meno ma e' lui che deve decidere,non altri per lui. Fate FreeBSD allo stesso modo di Indiana e poi vediamo chi ha ragione. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by: argent

    io ho avuto problemi anche con PC-BSD…. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    @cesoia un server deve fare quattro cose in croce: stabili, veloci e sicure. Un amministratore che dice che sui server e' necessaria la grafica, e' uno che deve essere allontanato dalla sala CED immediatamente tramite potenti getti di acqua gelata ed infetta. Punto. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    @maddaix… Alla faccia dei talebani… hai un concetto di server quanto mai ristretto, poi lamentiamoci del fatto che la gente usa windows. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    #5 : non esiste cosa peggiore delle persone dalla mente chiusa. Certo, su molti server l'admin se la cava senza grafica. SICURAMENTE un server DEVE ESSERE stabile e sicuro. Ma l'interfaccia grafica è un surplus, una cosa in più. Che, semmai, può pesare. Siamo nel 2011 e leggere ancora di talebani così(nella tecnologia poi!!!), è assurdo. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    Se la grafica e' un surplis, ALLORA -sui server- non serve: anzi, pesa per nulla: se una cosa non c'e', non puo' rompersi, essere veicolo di hack etc etc. Sul portatile/desktop posso usare una knoppix 6.2 con compiz e tutti gli svolazzi da "occhio fino" attivati, che mi frega? perdo il portatile? pazienza. il server perfetto non e' quello "a cui posso aggiungere questo fichissimo tool" ma e' quello a cui "non posso togliere piu' niente" perche c'e' solo l'indispensabile. kernel ricompilato a modino, supposto SOLO all'hardware installato, etc etc. Certo, se poi ci sono quelli che credono di essere amministratori solo perche' hanno installato ubuntu FTS con gnome - GNOME SU UN SERVER!!!!! - ed hanno attivato un paio di servizi di rete con 4 click su un tool grafico, allora accomodatevi pure e ringrazioamo tutti canonical che rendera' le persone ignoranti cosi come ha fatto micorsoft. Io, il pompone di aqua gelida ed infetta, lo tengo comunque a portata di mano, basta che non vi avviciniate e siamo tutti contenti. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    #define OT Come già scritto nel primo commento critico FreeBSD per le scelte sui desktop, grafica su un server se si esclude il thin-client-server dalla lista non serve. Il problema semmai è che oggi c'è sempre meno gente competente, l'università, non solo italiana, non forma decentemente per cui ti trovi "sistemisti" "ingegneri informatici" che non sanno proprio cosa sia "un server". Capita innumerevoli volte di trovare cosine come macchine virtuali in cluster su una sola macchina fisica, backup assurdi, sia per policy sia per modalità sia per semplice possibilità di restore, raid improbabili incluso striping puro su 1U con 2 dischi "perché va più veloce" ecc. Questo non è colpa di Ubuntu (che nella versione -server non installa X&c e che cmq invita per lo meno a smanettare, non dico studiare) ma della società in generale con la filosofia del tutto&subito, zero tempo d'apprendimento ecc. Ben venga IMO Canonical che per lo meno spinge un OS gestibile che invita a conoscere piuttosto che restare "chiusi in garage" in stile OpenBSD! Per insegnare qualcosa ci vuole un catalizzatore: Ubuntu catalizza la gente sui desktop, bene, quella gente migrerà in un nuovo ambiente dove pian piano potrà trovare anche silo l'entusiasmo di imparare (e verrà portata a volerlo dall'ambiente stesso). Non mi piace trovare certa gente con macchine in mano ma se gli cominci a dire che per installare un mailserver ci vogliono almeno 3 anni di studio dall'OS al demone alle rfc quando gente by M* (o anche Acc*) ti dice che lo fai in 4 click non si andrà molto avanti… Sarò un sognatore ma spero che Ubuntu diventi un nuovo OpenSolaris lasciando pian-piano l'ecosistema linux (e in parte GNU) prendendo pezzi di FreeBSD ed IllumOS; è un po' un sogno ma con qualche base: Debian ha già una build col kernel di FreeBSD da anni; Nexenta ha un kernel Osol con l'userland di Ubuntu.. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    @maddaix, chissà quanti server amministri… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    tutti quelli che servono…. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 12 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    A regà, non confondiamo le cose: se si parla di un uso server, IMHO FreeBSD fa ancora il suo dovere: sul server ci metti il tuo apache/nginx/quello che è, il tuo cgi/php/ruby/quello che è, i vari mail server/nagios/ca**i vari, se ci metti un'ora o due settimane non te ne frega niente (al massimo se ne frega il tuo capo, ma se riesci ad illustrargli i vantaggi che avrai in termini di stabilità e sicurezza puoi riuscire a farlo star buono). Il fatto è che che qui si parla di un' "apertura" del sistema verso un uso desktop: in questo caso, installare, disinstallare, aggiornare non può essere un'esperienza frustrante. Ah, e poi la compatibilità hardware… se vuoi che l'OS sia usufruibile da gente che non necessariamente conosce il C, come puoi poi chiedere aiuto alle utenze stesse? E anche lato server, c'è un discorso da fare: prendere una VPS ormai non costa più niente, e chiunque un po' sveglio (appassionati, sviluppatori, …) può noleggiarne una e sperimentare: anche in quel caso, non è che c'hai tanto tempo e/o voglia di star dietro al sistema operativo, e giustamente sacrifichi la stabilità e la sicurezza a favore della usabilità e della produttività. Tant'è che aziende che offrono VPS con Gentoo/FreeBSD non ce ne sono tante (ammesso che ce ne siano). Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 13 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    concordo assolutamente con maddaix, i server *nix non devono avere interfaccia grafica. Non ditemi che avete bisogno di un'interfaccia grafica per configurare una scheda di rete o aprire un file di testo. Inoltre un X server con tutti gli orpelli (anche un misero fluxbox) occupa RISORSE, in un server sono la cosa più importante. Anche Microsoft ha capito la cosa, in windows 2008 server si può anche evitare di usare la parte grafica… Comunque un'interfaccia grafica non potrà mai e poi mai darti tutte le possibilità che una configurazione manuale può dare… Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 14 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    L'interfaccia grafica nei server non serve a un bel niente, diciamocelo chiaramente… Se si vuole configurare un mailserver con 4 click lo si fa anche su linux, ma ciò non toglie che il sistemista debba essere una persona *COMPETENTE* perché altrimenti a lungo termine i problemi vengono fuori con qualsiasi OS. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 15 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    Che si debba saper configurare tutto senza interfaccia ok. Ma che qualche <i>"informatico(?)"</i> veda quella che cmq è un'innovazione(che può essere usata male, ma sempre innovazione è) come negativa, è assurdo. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 16 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    anche l'automobile e' una bella innovazione, peccato non trovare parcheggio, avere i bronchi arrossati (per non parlare di malattie peggiori) a causa dell'inquinamento etc etc. "innovazione" non significa autmaticamente "miglioramento". La grafica da "ihcconif" puo' piacere, ma sul desktop. sul porttile no perche mi "ruba" CPU e batteria e spazio disco (nettop da 4G disco, non metto certo KDE/GNOME ma wmaker e pedalare), sul server no perche' oltre a rubare cpu (poco o tanto, la ruba) tutto quello che non c'e' non deve essere manutenuto, aggiornato, non e' veicolo di hack etc etc. Poi se non la volete capire… padronissimi di metterci pure GIMP, COMPIZ, BLENDER etc etc sul server, sono tutti ca++i vostri, che mi frega? Ah mi raccomando, usate ovviamente un kernel generico, non ricompilato….. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 17 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    @maddaix sei di informatica ne capisci come capisci quello che ho scritto nel post,ed io fossi il tuo capo,di allontanerei dal CED in un minuto esatto a calci nel sedere. Allora cosa HO SCRITTO? Vediamo: "Il sistema cosi’ com’e’ non e’ piu’ desiderato dal grande pubblico ormai standarizzato sul desktop di linux e di windows." VERO.Essendo oltretutto un sistema opensource il cui gradimento presso gli utenti finali e' fondamentale e' ancora piu' vero. Capirei se ci fosse una software house che ne finanzia il progetto MA NON E' COSI'. "Non venitemi a dire che oggi,un’interfaccia grafica integrata nel sistema,alla piattaforma server non serve." VERO.Chi decide che l'interfaccia grafica non serve?! Di certo non lo deve fare il produttore del sistema che altresi' DEVE coprire le esigenze di tutti gli utilizzatori,compresi quelli che non useranno la piattaforma come server ma ci svilupperanno applicazioni da server. Credo che gli altri UNIX compreso Solaris insegnino qualcosa…. "Sicuramente l’amministratore puo’ farne a meno ma e’ lui che deve decidere,non altri per lui." L'amministratore puo' e deve ottimizzare il sistema secondo le sue esigenze specifiche.E' il suo lavoro,nulla di speciale. Cosi' puo' TRANQUILLAMENTE disattivare i servizi che non gli servono come quelli del desktop.Discorso diverso per uno sviluppatore della piattaforma,che necessita di NON PERDERE TEMPO (anche perche' non e' obbligato a conoscere il lavoro di un sistemista) in dettagli di configurazioni ed installazioni ma deve farci altro con piu' profitto e piu' velocemente possibile. E' ora di piantarla di fare i talebani del terminale.L'interfaccia grafica non e' piu' un tabu' come anni fa ed in molte situazioni e' addirittura comoda.L'importante e' che alla richiesta di possa disabilitare e cosi' sui sistemi UNIX di nuova generazione con desktop integrato puo' avvenire. E' la realta'! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 18 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    @cesoia quale parte di: "Poi se non la volete capire… padronissimi di metterci pure GIMP, COMPIZ, BLENDER etc etc sul server, sono tutti ca++i vostri, che mi frega?" non hai capito? ognuno e' libero - deve essere libero - di scegliere la corda con la quale impiccarti, e fidati: non saro' certo io ad impediti di farlo. Liberta di scelta'. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 19 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by:

    Se la community si assottiglia e sempre meno gente se lo fila qualche problema ce lo avrà o anche questo è frutto dell'ennesimo complotto ai danni del libero pensiero? Che poi su hardware di qualche anno addietro possa ancora fare del gran bel lavoro come server è tutto un altro discorso che non cambia però di una virgola l'assunto iniziale: manca sangue fresco! e continuando nella stessa politica suicida ne mancherà sempre di più. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 20 su FreeBSD, un appello per nuove leve

    Posted by: guiodic

    maddaix ha assolutamente ragione. La stessa Microsoft dopo anni di "server solo grafica" ha dovuto introdurre powershell. In realtà il modo migliore per gestire un server, se non si è amanti della riga di comando, sono le interfacce web. Semplici, veloci, e controllabili anche da un telefonino. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Ossblog.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.