Xiph non s'accontenta di OGG e Theora: riprende lo sviluppo di Ghost

Xiph.OrgAbbiamo parlato a più riprese della discussa rimozione di H.264 da Chromium, ricordando anche che il container WebM per VP8 s'appoggia a OGG e Theora per la codifica audio/video. Xiph.Org, la fondazione che si occupa di quei codec, non intende – come si suol dire – «adagiarsi sugli allori». Perciò gli sviluppatori sono tornati al lavoro, riesumando quel progetto Ghost che è sponsorizzato nientemeno che da Red Hat.

L'obiettivo è creare un nuovo codec audio a bassa latenza che riassuma le caratteristiche di MP3, OGG e Vorbis per la musica e quelle di Speex, GSM e G.729 per la voce. Constrained Energy Lapped Transform (CELT) è amministrato da Jean-Marc Valin ed è ancora lontano dal raggiungimento della versione 1.0. Ghost e CELT sono due codec differenti, entrambi orientati allo streaming di contenuti ad alta qualità.

CELT è ancora molto instabile e soggetto a repentine modifiche tra una versione e l'altra, per cui non è garantita la retro-compatibilità sui contenuti codificati: tuttavia, la bozza delle specifiche è stata inviata all'Internet Engineering Task Force (IETF) per essere certificata. Ghost sfrutterà anche il lavoro di CELT, perciò lo sviluppo è sempre un passo indietro. In generale, siamo già curiosi delle novità che arriveranno.

Via | CNet News

Vota l'articolo:
3.50 su 5.00 basato su 4 voti.  

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO