Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

Scritto da: -

Ubuntu Logo Ieri è stata definita la politica di rilascio per i drivers di terze parti all’interno di Ubuntu 7.04.

E’ stato quindi deciso che i driver proprietari non verranno installati automaticamente sul sistema, a meno che non considerati indispensabili al funzionamento dello stesso, ma sarà data all’utente, in secondo tempo, la possibilità di installarli spuntando un’apposita opzione di Synaptic (o abilitando il repository di riferimento per l’uso con apt-get).

Nel frattempo comunque Ubuntu supporterà progetti come Nouveau per lo sviluppo di drivers opensource per chipset NVidia.

Altre novità riguardano la release per processori PowerPC che verrà declassificata a release non ufficiale e pertanto non potrà usufruire del supporto di Canonical durante la fase di sviluppo.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by: gio

    Non è assolutamente vero! http://www.markshuttleworth.com/archives/95 Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by:

    Non mi è chiaro l'articolo. Cosa cambia rispetto a prima? Di default i repositories non-free non erano attivi. Il bando riguarda anche firmware di dispositivi e applicativi non opensource? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 3 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by: fullo

    ho corretto il post con le ultime notizie Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 4 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by: Federico, A. Moretti

    Bene così! Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 5 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by:

    Cioè? Se "considerati indispensabili" il sistema li installa in automatico? Ma questo non contraddice la frase: "Ubuntu è impegnata completamente sui principi del software Free e Open Source; gli utenti sono incoraggiati all'uso, al miglioramento e alla diffusione del software Free e Open Source."? Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 6 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by: Federico, A. Moretti

    Io penso che sia un modo (peraltro ineccepibile) per allargarsi agli end-users che non sono "pratici" di shell varie et similia. CHI vuole "smanettare" lo può fare tranquillamente… o no? :) Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 7 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by: Geppo

    Scusate l'Off Topic; sono due giorni che tento di installare KUBUNTU su di un vecchio portatile senza successo, ho masterizzato la ISO e fatto partire il PC con il cd-room come primary boot disk. In un caso dopo aver scelto "Avvia e/o Installa" si apre la console con il prompt, ma da lì non so proprio cosa fare. Al successivo lancio camincia a caricare il sistema operativo ma dopo più di due ore non ha ancora terminato con il cd che screccia senza fine. Saprete indicarmi qualche guida? Grazie Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 8 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by:

    @Geppo Prima di tutto ti consiglio di provare a masterizzare la iso su un altro cd, possibilmente nuovo e di un'altra marca. A me sono capitati casi simili quando il cd era vecchio, o danneggiato, o comunque non veniva letto bene. Se non risolvi prova a chiedere/cercare qui: http://forum.ubuntu-it.org/ Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 9 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by: Geppo

    @8 Grazie proverò Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 10 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by: Sloteel

    Io incrocio le dita, sarebbe anche ora. Come driver indispensabili spero ci siano gli ati. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 11 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by: enzo

    A me non interessa avere dirver proprietari o non proprietario, io da utente Desktop voglio che il PC mi funzioni nel nomo più semplice e veloce. Di certo la discussione è molto al disopra delle mie capacità ma non dimenticagte che chi passa da Windows a Linux non lo fa solo per la filosofia del free software ma anche e sopratutto perchè vuole un sistema semplice, veloce ed affidabile. Ciao by Enzo Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 12 su Definita la politica di Ubuntu per i drivers proprietari

    Posted by: Michele Renda

    @enzo: Se vuoi un sistema semplice usa il sistema che ti hanno dato quando hai comprato il computer. Windows per windows user e molto piu facile da usare di Linux, e lo rimarra per un po. Se vuoi qualcosa in piu dalla tua macchina … o imparare qualcosa di nuovo :) @Geppo: Il problema che hai tu e che il portatile non e molto nuovo. Gnome e bellino, ma vuole i suoi 256 Mb di ram, altrimenti, funziona, ma sopratutto da LiveCd ci impianta molto facilmente. La soluzione e' molto semplice: Usa gli Alternate CD. Si trovano nella stessa cartella dove scarichi Ubuntu, ma si differenziano dalla dicitura Alternate. Essi ti permettono di fare l'installazione testuale, che e molto veloce. Inoltre ti consiglio di non istallare Ubuntu, ma di installare Xubuntu. E molto leggero, con 128 Mb vola (lo uso su un 550 Mhz) e con XFCE4, e molto gradevole, e ti permette anche di usare i programmi gtk di gnome, come synaptic o networking. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Ossblog.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.